La formazione continua degli assistenti sociali

La Formazione Continua degli Assistenti sociali

La Formazione Continua degli Assistenti sociali: Linee Guida del CNOAS per l’Eccellenza Professionale

Il ruolo degli assistenti sociali è cruciale nel tessuto sociale, poiché si occupano delle sfide complesse e spesso delicate che le persone affrontano nella società contemporanea. Per garantire un servizio di alta qualità, il Consiglio Nazionale degli Ordini degli Assistenti Sociali (CNOAS) ha stabilito linee guida chiare sull’obbligo di formazione continua. Queste linee guida non solo definiscono l’obbligo stesso, ma mirano anche a promuovere l’eccellenza professionale, fornendo agli assistenti sociali gli strumenti necessari per rimanere al passo con le dinamiche in continua evoluzione della professione.



Definizione e Scopo della Formazione Continua

La formazione continua è un processo di apprendimento che si svolge dopo il completamento della formazione iniziale. Nel contesto degli assistenti sociali, questo tipo di formazione è progettato per assicurare che essi acquisiscano e mantengano le competenze necessarie per affrontare le nuove sfide emergenti nella società. Il CNOAS riconosce la formazione continua come un requisito fondamentale per l’eccellenza professionale, mirando a garantire che gli assistenti sociali siano costantemente aggiornati e competenti nel loro lavoro.

Lo scopo della formazione continua è triplice: promuovere la sicurezza e il benessere degli utenti, sostenere lo sviluppo professionale degli assistenti sociali e mantenere alti standard etici e normativi all’interno della pratica professionale.

Obblighi e Responsabilità dell’Assistente Sociale

Secondo le linee guida del CNOAS, ogni assistente sociale è tenuto ad adempiere agli obblighi di formazione continua. Questo impegno richiede la partecipazione regolare a corsi, workshop, seminari e altre attività formative riconosciute dal CNOAS. La quantità di ore richieste può variare, ma è fondamentale che gli assistenti sociali considerino la formazione continua non solo come un obbligo normativo, ma come un investimento nella propria crescita e nel miglioramento della qualità del servizio offerto.

L’assistente sociale è anche responsabile di tenere traccia delle proprie attività formative, documentando accuratamente le ore di partecipazione e le tematiche affrontate. Questo registro non solo dimostra la conformità all’obbligo di formazione continua, ma può anche servire come strumento prezioso per la riflessione personale sulla crescita e l’apprendimento professionali nel corso del tempo.

Programmi di Formazione Continua Accreditati dal CNOAS

Il CNOAS riconosce una varietà di programmi formativi, garantendo che gli assistenti sociali abbiano accesso a un’ampia gamma di opportunità per sviluppare le loro competenze. I programmi accreditati possono coprire diverse aree, tra cui:

  1. Etica e Normative Professionali: Corsi dedicati a esplorare le ultime normative e linee guida etiche che influenzano la pratica degli assistenti sociali.
  2. Sensibilità Culturale e Diversità: La formazione che promuove la comprensione delle diverse culture e contesti sociali, migliorando così la capacità di fornire un servizio inclusivo.
  3. Abilità Comunicative e Relazionali: Workshop mirati a sviluppare le competenze di comunicazione, ascolto attivo e costruzione di relazioni solide con gli utenti.
  4. Interventi Psicosociali Avanzati: Corsi che approfondiscono le tecniche di intervento, includendo approcci terapeutici e strategie avanzate di supporto.
  5. Gestione dello Stress e Benessere Personale: Programmi che affrontano le sfide emotive e stressanti della professione, fornendo strumenti per la gestione del proprio benessere.

Valutazione della Formazione Continua e Monitoraggio dell’Efficacia

Il CNOAS promuove una valutazione continua dell’efficacia dei programmi di formazione continua. Gli assistenti sociali sono incoraggiati a fornire feedback costruttivo sui corsi frequentati, contribuendo così a migliorare la qualità complessiva dell’offerta formativa. Questo approccio feedback-loop assicura che i programmi di formazione siano allineati alle esigenze effettive degli assistenti sociali e alla rapida evoluzione del contesto sociale.




Linee guida del CNOAS per la Formazione Continua degli Assistenti sociali

A partire dal primo gennaio 2014, il panorama della formazione professionale continua per le e gli assistenti sociali è stato definitivamente plasmato dall’articolo 7 del D.P.R. 137/2012. Questo decreto impone l’obbligo di partecipare a percorsi formativi regolari, sottolineando la sua essenzialità “al fine di garantire la qualità ed efficienza della prestazione professionale, nel migliore interesse dell’utente e della collettività, e per conseguire l’obiettivo dello sviluppo professionale (…).”

L’obbligo formativo si suddivide in trienni, segnando tappe significative nel percorso di aggiornamento degli assistenti sociali. Il primo triennio, dal 2014 al 2017, ha gettato le basi per un’impostazione che mira a combinare l’obbligo formativo con l’obiettivo di sviluppo professionale. Il secondo triennio, dal 2017 al 2019, ha consolidato questo approccio, aprendo la strada al terzo triennio formativo, che si estende dal 2020 al 2022, e al quarto triennio, attualmente in vigore dal 2023 al 2025.

Il Regolamento per la formazione continua, strumento guida di questa imperativa, pone a ogni iscritta/o il compito di conseguire nel triennio 60 crediti formativi, di cui almeno 15 crediti devono essere di natura deontologica. La tempistica per l’inserimento dei dati è cruciale: entro e non oltre il 31 marzo dell’anno successivo alla conclusione del triennio, che nel caso del triennio attuale si sposta al 31 marzo 2026.

La valutazione dell’assolvimento dell’obbligo formativo è una fase critica che avviene al termine di ciascun triennio. Qualora non si raggiungano i crediti necessari, l’art. 81 del Codice deontologico prevede sanzioni disciplinari.

Per le e gli Assistenti sociali neoiscritte/i, il vincolo dell’assolvimento dell’obbligo formativo entra in vigore dall’anno solare successivo a quello di iscrizione. Tuttavia, vi sono alcune sfumature da considerare. Se l’iscrizione è avvenuta nel corso del primo anno del triennio formativo, l’iscritta/o dovrà conseguire, a partire dall’anno successivo a quello di iscrizione, 40 crediti formativi, di cui almeno 10 crediti devono essere di natura deontologica. Se l’iscrizione è avvenuta nel corso del secondo anno del triennio formativo, si dovranno conseguire, a partire dall’anno successivo a quello di iscrizione, 20 crediti formativi, di cui almeno 5 crediti devono essere di natura deontologica.

È importante sottolineare che vengono conteggiati ai fini dell’assolvimento anche le attività fruite o svolte nell’anno di prima iscrizione, purché in data successiva alla stessa, mantenendo sempre come riferimento il triennio formativo di appartenenza.

Per coloro che desiderano arricchire il proprio bagaglio formativo partecipando a corsi all’estero, la possibilità di caricare le attività sulla piattaforma attraverso l’area riservata è garantita, con la competenza del Consiglio Nazionale.

Infine, il Regolamento per la Formazione Continua contempla l’esonero dall’obbligo formativo in alcuni casi specifici, come indicato all’art. 11. Un ulteriore elemento che evidenzia la flessibilità di questo sistema di formazione continua, orientato a garantire la qualità, la competenza e l’etica nella professione degli assistenti sociali.

Come sapere se un evento è stato accreditato o se dà diritto a crediti formativi?

E’ possibile verificare l’accreditamento di un corso di formazione a questo link https://www.cnoas.info/cgi-bin/cnoas/cerca_corsi.cgi

I crediti che vengono riconosciuti da un CROAS (Consiglio Regionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali ) hanno valore su tutto il territorio nazionale.



Investire nell’Eccellenza Professionale

In conclusione, l’obbligo di formazione continua secondo le linee guida del CNOAS non è solo un adempimento normativo, ma un investimento nell’eccellenza professionale. Gli assistenti sociali che abbracciano la formazione continua sono meglio attrezzati per affrontare le sfide della professione, garantendo una pratica informata, etica ed efficace. Attraverso un impegno costante nel percorso della formazione continua, gli assistenti sociali contribuiscono in modo significativo al benessere individuale e collettivo nella società.

CORSI DI FORMAZIONE GRATUITI PER ASSISTENTE SOCIALE

Regolamento per la Formazione Continua degli Assistenti Sociali approvato dal Consiglio nazionale nella seduta del 22 ottobre 2022 con delibera n. 200, in vigore dal 1° gennaio 2023